Under 12, Piccoli passi verso la Vetta

logo u12

PGS VIGNOLA 31
PAVULLO BASKET 38
(14-8;18-18;8-14;22-11) 
PAVULLO: GOGLIA (all.), FONTANESI (all.), CAVALLINI M., TREMOSINI, LICCIARDO, INGRAMI, CAVALLINI H., ROMANI, BELLEI, MARINO, BONONCINI, FONTANESI, LIPPARINI.

16

U12, Cavallini Moha al tiro libero
In questa giornata di campionato si è potuto osservare lo spirito positivo di una squadra che, sia pure in età infantile, ha dimostrato una buona maturità sia per quanto riguarda i singoli, sia per quanto riguarda la squadra.
L’inizio e stato folgorante (0 – 5 dopo meno di un minuto di gioco) con la squadra pavullese che partiva molto motivata e molto incisiva, denotando un intenso gioco di gruppo che vedeva partecipi tutti i componenti. Dopo questo lampo, la squadra di casa, fustigata dal proprio allenatore, reagiva e, anche per un cedimento repentino dei nostri adolescenti, faceva suo il tempo con un netto 14 a 0 (finale 1° tempo 14 a 5).
Dal secondo quarto la musica cambiava. I ragazzi del Pavullo riprendevano in mano le redini del gioco e, passo dopo passo, risalivano la china recuperando lo svantaggio ed andando, meritatamente a vincere la contesa.
Questa gara ha dimostrato senza ombra di dubbio che il lavoro svolto in palestra è stato metabolizzato dai giocatori. I tecnici stanno sapendo valorizzare le qualità dei singoli soggetti, facendoli sentire tutti parte del gruppo che fa dell’unione il proprio punto di forza. È stato grazie a questo spirito collettivo se la squadra non si è scoraggiata e, rimboccandosi le maniche, è andata a recuperare il terreno perduto. Questa partita ha potuto dimostrare come, nonostante parte della squadra sia rinnovata, non è cambiato lo spirito. Con i veterani che hanno consentito ai nuovi arrivati di sentirsi subito parte del gruppo, ed inserirsi nei meccanismi di gioco senza molte difficoltà.
Bravi, avanti così!

Under 18, La Trasferta – 6^a e 7^a giornata

VERGATO 75
PAVULLO BASKET 58
(19-13;18-17;19-14;19-13) 
Pavullo: Serri R., Baruffi M. 5, Serri L. 6, Pugliese R., Goglia 13, Ingrami 2, Fontanesi 10, Gianaroli L. 6, Lauria 9, Dallari 3, Dlario 2, Gianaroli A.

3g 18

U18, Serri Lorenzo al tiro

– Vergato 20/01/18 –
Ciò che accomuna le due squadre del campionato CSI U18 di Pavullo (Modena) e Vergato (Bologna) è indubbiamente la loro posizione geografica. Eh si, in effetti, la strada da fare per raggiungerle non è proprio”simpatica”, il percorso tortuoso, ed è così che i nostri atleti, appena arrivati a destinazione, saltano fuori dalle vetture con l’aria di chi ha è appena attraccato in porto dopo essere stato in mare, mentre la tormenta gli ha rivoltato l’anima.
Ad accoglierci un impianto simile al “nostro” in un clima disteso che però da subito mostra nell’espressioni dei volti del team avversario facce determinate a cancellare l’onta della sconfitta subita all’andata. Ragazzi sereni ma concentrati di fronte ai nostri che pian piano ricompongono il gruppo. Anche noi del pubblico abbiamo bisogno di qualche attimo e proprio mentre siamo distratti un bianco maturo e capelluto arbitro da il via al match, con un arbitraggio piuttosto camaleontico nel corso della gara. Quintetto ospite che schiera il numero 73, forse mancante all’andata e che sfugge qualche volta di troppo ai nostri, anche, va detto, per merito di proprie buone capacità tecniche.
Ad ogni modo il match inizia fulmineo sotto una furiosa pressione della squadra di casa che letteralmente costringe i nostri a seguirne il ritmo. Vanno forti ma talmente forti che la prima sensazione che avverto è di quanto questi ragazzi siano coraggiosi, gli avversari ma anche i nostri, a tenere questi ritmi da stress post traumatico. Serri parte benissimo servito altrettanto bene in mezzo a una difesa attanagliante realizzando i primi tre canestri e poi, con grande rammarico di tutti, infortunandosi e abbandonando prematuramente un match nel quale avrebbe avuto certamente un ruolo primario.  Pavullo non piange anzi ribatte colpo su colpo l’incessante corsa dei padroni di casa.
Il primo a farne le spese è Capitan Lauria con tre falli (o due e mezzo, se preferite) nel primo quarto, tentando di interrompere le folate degli avversari, guadagnandosi anzitempo la panca e un utilizzo limitato di lì alla fine del match. Fontanesi si rivela determinante nel raccogliere, scambiare, recuperare e mettere a canestro un buon bottino personale senza mostrarsi a disagio, ma anzi totalmente integrato, dalla tecnica sempre più importante e dallo stile sempre più convincente.
Anche nel secondo quarto sembra vedere giocare un solo uomo su tutti, a cui si aggiunge un accapigliante Dallari che lotta ed aiuta in difesa. In partite come queste, arbitraggio un po’ all’inglese permettendo, i colpi si danno e si prendono, così a turno vanno per terra ospiti e avversari, tra cui Goglia che nel parapiglia è costretto alle cure mediche per un colpo al ginocchio. Pavullo cede il passo ai padroni di casa che in attacco vanno via via allungando le distanze. Nel frattempo la nostra panca ruota ma il gruppo arranca, ad eccezione di un coraggiosissimo Gianaroli che non molla mai, pur sprecando un paio di buone trame offensive. Il jolly Ingrami un pò sotto ritmo presenzia sempre la zona di competenza ma i rimbalzi non sono mai abbastanza. Frazione di gara che continua con le scorribande del numero 75 che si scatena e manda a riposare il 73 sempre col solito gioco in velocità a liberarsi più spesso ai lati e qualche volta sotto canestro.
L’ultima frazione di gara si apre con i “big” in panca a confrontarsi con il coach mentre nei primi tre minuti i più giovani non riescono a rallentare l’avversario ed il parziale è -8. Arriva il momento del confabulato cambio e l’impressione è che i primi a non aver capito cosa sta accadendo sono i giocatori di casa di fronte a una difesa a zona press che tenta un disperato e tardivo recupero.  E infatti l’eccessivo passivo favorisce ulterioriormente la squadra di casa, che ha perso pezzi ma non la testa, schiacciando l’avversario fino alla sirena.

MVP: MATTEO FONTANESI: Una crescita costante sia dal punto di vista tecnico che atletico, a dimostrazione dell’impegno e determinazione ad allenamento. Doppia-doppia punti e rimbalzi, difesa sempre attenta e buone spaziature per il most-improving-player della formazione.

PAVULLO BASKET 58
PGS WELCOME BO. 67 
(23-15;10-25;19-11;6-16) 
Pavullo: Serri L. 15, Superbi, Baruffi 7, Dallari 5, Venezia, Fontanesi, Pugliese R. 1, Gianaroli, Goglia 6, Lauria 11, Pugliese E., Cavicchioli 9.

– Pavullo 09.01.18 –
Per questa partita infrasettimanale, come promesso, riesco a presentarmi con largo anticipo tale da potermi gustare tutta la fase di riscaldamento che, direte voi, di solito annoia a morte profani e non. E proprio perchè non riesco mai a trovarmi in accordo con il più dei genitori io invece mi concentro sui neri, ma non sui neri per caso, bensì sui neri di San Antonio che solo a nominare scatenano le fantasie cestistiche da oscar televisivo dello sport NBA. Per la cronaca, molto bella la nuova (non di pacca) divisa nera, stile AllBlack.
Entrambe le squadre si presentano sul terreno di gioco con quel fare di leggerezza che vira verso il serio ogni volta che gli allenatori chiedono e ottengono maggior impegno fino ad assumere i connotati di una squadra unita. Ormai abbonati al Signor Trisiello, qualcuno se ne farà una ragione, qualcun altro farà un pò più fatica ma sono sicuro manderà giù in maniera sportiva la questione, il match ha inizio.
Si parte con un quintetto d’attacco, di fronte un avversario piuttosto lento, ma non abbastanza da non riuscire a segnare il primo punto, con quello che a mio modo di vedere sarà l’MVP del match. Nonostante tutto il quarto appaia di studio, il risultato ci vede abbastanza, facilmente, avanti. Eppur non si muove direi io. No proprio no.
La seconda frazione conferma i miei timori. C’è una squadra in blu e 5 solisti in nero, ovvero, forzando la mano naturalmente, i neri individualmente potranno anche raccontare di aver fatto bene il loro compito, se intervistati uno ad uno, ma a vincere è stata l’unica squadra presente in campo.  Gli avversari, al contrario, seppur avendo segnato a occhio e croce il 75% dei propri punti con soli due uomini, hanno sempre fatto muovere senza palla gli altri tre, che a esclusione di un paio di occasioni, immediatamente corrette con cambi dallo staff tecnico ospite, non si sono mai concessi il lusso di correre da soli, insensatamente seguendo invece sempre la necessità più alta e cioè la squadra. I due tiri pesanti dall’arco dei tre punti hanno poi fatto il resto allungando il divario e abbassando il morale dei nostri. In qualche occasione i neri hanno anche manovrato buone ripartenze, con numeri di fantasia e personalismi da allenamento, fino ad eccitare il pubblico, ma non sempre sono riusciti a coordinare lo schieramento difensivo e le marcature ne in ripiegamento ne a difesa piazzata e ne tanto meno il nostro giropalla ha inciso sul risultato. Se vogliamo il secondo quarto è stato emozionante e avvincente, passando da una partenza tattica disastrosa a un buon recupero per finire in standby, nonostante il mal di gola dello staff tecnico di casa.
Il risultato faceva ben sperare ma la mancanza di armonia tattica soprattutto in difesa mi lasciava perplesso, quantomeno. L’irriverenza è il termine più adatto a descrivere l’inizio del terzo quarto durante il quale i neri sciamando per tutto il campo, depredando l’impossibile ai panchinari e non della squadra ospite. Arriva la contromossa degli avversari che trovano un buon break insaccando ancora un paio di tiri da 3 punti stronca il fiato. I cambi vengono gestiti bene e chi ha il fiatone riposa mentre la panchina contribuisce a resistere.
Il misunderstood caratterizza l’ultima frazione nella quale l’orgoglio muove le gambe ma il messaggio non arriva alla testa. Risultato? Sconfitta meritata.
Un po’ di rammarico per aver aspettato la fine della partita per rivedere un pò di agonismo vero, dopo aver per tutto un incontro, o quasi, camminato sulle uova guardandosi allo specchio come fossimo in una partita di calcio. Questa volto io sono arrivato in tempo ma degli artisti non vi è ancora traccia, rinchiusi in camerino a sistemare il ciuffo hanno deciso che lo spettacolo è stato rimandato salvo poi guardare il tabellone ed accorgersi che tutto sommato gli avrebbe dato un pò noia uscire da perdenti laddove si poteva vincere, ma il sipario era già calato.

MVP: LORENZO SERRI: il most-improving-player della formazione, una costante crescita sia in termini tecnici che realizzativi, partita quasi perfetta macchiata solo dalla difesa che resta un po’ il tallone d’achille della nostra guardia..

Under 18, Da Rifare

PAVULLO BASKET 45
CNBM BASKET 53
(12-15;13-14;15-12;5-11) 
Pavullo: Lauria (c) 5, Goglia 8, Ferrari, Fontanesi, Serri L. 9, Pugliese R., Gianaroli 2, Superbi, Pugliese E., Abdelati, Ingrami 4, Baruffi 17.

3g 18

U18, La squadra durante un time-out

– Pavullo 22/12/17 – dal nostro inviato speciale sul campo
Tra ciò che gli artisti proprio non tollerano durante le loro esibizioni ci sono sicuramente i ritardari. Ebbene oggi i nostri artisti ce lo hanno proprio fatto notare. Siete entrati in ritardo? Ve ne pentirete, “la prossima volta ci si accomoda tutti in tribuna prima che lo spettacolo abbia inizio” è sembrato volessero dirci con la prestazione odierna. Squadra bolognese ospite permettendo, l’idea era di ribadire la ottima prestazione di Domenica 17 Dicembre contro Vergato.
Da quel poco che ricordo ogni volta che si affronta una bolognese doc la partita assume i connotati di una gara molto intensa, dal corpo a corpo sempre al limite e dai risultati sempre in bilico. Detto fatto; salgo di corsa sulle scale in ferro per accedere alla tribuna della palestra di Sant’Antonio di Pavullo, ripetendomi “questi spettacoli non si possono perdere, come si fa a non arrivare in tempo, la prossima volta guai a chi mi impedirà di arrivare in orario”, ma siamo sotto Natale e dobbiamo essere tutti più buoni. E allora entro finalmente e subito l’occhio corre agli atleti che strategicamente coprono tutto il parquet e questo già mi piace; poi dò una occhiata al tabellone e gli ospiti sono avanti di 4 punti cosa che non mi dispiace. Buona sera a tutti i conoscenti e prendo il mio solito posto in solitaria dal quale cerco di capire, carpire ed imparare qualcosa di questo sport meraviglioso.
Dalla formazione appare chiaro che siamo già in rotazione, quasi quasi come i grandi team e in minimo affanno la panca tiene la partita. Subito mi appello a chi è stato più educato di me e ha assistito alla partita dall’inizio per sapere come sono partiti. Non male mi si dice. Arriva Una chiamata dal coach in un momento importante, non male, nel frattempo mi concentro sulla partita e per prima cosa mi sembra di notare quella continuità che tanto speravo io, ma sicuramente tutti i tifosi insieme a me, di vedere rivalità con squadre di spessore. Mi avevano parlato di un n°4 avversario “indemoniato” all’andata ma qui noto una gabbia, tra lui e il ferro che lo continene e respinge ottimamaente il più delle volte; insomma i nostri in una difesa a zona con disturbo del portatore appena questi si espone o si distrae riescono a contenere un team non trascendentale ma rapido e con qualche spiccata tendenza al tiro di precisione. Leggi tutto “Under 18, Da Rifare”

Under 18, Gli Eroi della nostra Domenica

2g 18 2

PAVULLO BASKET 47
VERGATO BASKET 40
(10-11;5-5;12-12;20-10) 
Pavullo: Lauria (c) 12, Goglia 15, Dallari, Fontanesi 2, Serri 4, Pugliese R. 4, Gianaroli, Superbi, Pugliese E., Ingrami 2, Baruffi 5.

2g 18 2

U18, Lauria in 1vs1

– Pavullo 16/12/17 – dal nostro inviato speciale sul campo
Finalmente dopo la lunghissima pausa estiva, la fase preparatoria della nuova stagione e qualche impegno lavorativo riesco ad assistere per la prima volta in questo campionato alla partita dei nostri eroi.
In perfetto stile cinematografico e lasciando ai più ferrati di me in materia i dettagli tecnico-tattici di questo sport, parto proprio dalla fine per raccontarvi quanto ho visto. La fine di una bellissima partita, durante la quale i nostri diciottenni o quasi, complice un avversario ben organizzato e soprattutto determinato a vendere cara la pelle, ci hanno divertito ed entusiasmato vuoi per il risultato ma soprattutto per la prestazione. Colpo su colpo, le due compagini, hanno messo su uno spettacolo che mi ha totalmente soddisfatto, fatto urlare, incitare e battere le mani; cosa che non sempre mi viene proprio spontanea. Leggi tutto “Under 18, Gli Eroi della nostra Domenica”

Under 14, Buona la prima

16

PAVULLO BASKET 62
PALL. MARANELLO 51
(14-8;18-18;8-14;22-11) 
Pavullo: Fini 5, Siddu 11, Cavicchioli A. 17, Cavicchioli S., Licciardo 4, Ouldrabia 6, Venezia 13, Ferrarini E., Ferrarini G., Calderone, Muratori 3.

16

U14, Muratori al tiro
Prima gara e prima vittoria di campionato per i nostri ragazzi che affrontano la formazione maranellese.
Primo quarto che si apre con un grande quintetto solido, compatto, ben gestito e messo in ordine dalla nostra “eroina” Cavicchioli S. a cui seguono i primi punti del nostro colosso Cavicchioli A.. Periodo bilanciato da entrambe le parti, in cui la spunta la formazione di casa con un parziale di 14-8 grazie ai canestri del duo Ouldrabia-Venezia.
Secondo quarto (18-18) che inizia un po’ a rilento. La stanchezza accumulata nella frazione precedente da la possibilità a forze fresche di fare il loro ingresso in campo, con menzione particolare per la superba prova di Fini e Muratori, che danno giuste profondità alla squadra, segnando buoni canestri e in più difendendo in maniera composta e pulita.
La ripresa è disastrosa, un terzo quarto completamente da dimenticare: tanti falli dovuti a poca concentrazione e stanchezza, posizioni in campo tenute malamente e tanta confusione. Gli unici che riescono a dare un minimo di contributo in termini di lucidità, sono i fratelli Ferrarini Elia e Gioele che cercano di aprire  spesso il gioco, trovando buona sinergia con Siddu che mette a segno 4 degli 8 punti del parziale (8-14).
L’ultimo quarto è quello decisivo in cui la casalinga porta al sicuro il risultato finale (22-11). Quintetto diretto dal nostro capitano Licciardo che amministra i giochi e Calderone che da stabilità al reparto difensivo. A chiudere i conti ci pensano le conclusioni in contropiede del trio Venezia-Siddu-Cavicchioli A. per il 62 a 51 finale. “Bravi ma un po’ pigri” commenta coach Mesini “in certe situazioni i singoli possono sicuramente dare un contributo maggiore alla squadra, ma nel complesso abbastanza bravi.
Alla fine comunque una buona vittoria che ci porta alla prossima gara in trasferta contro il Fiorano e alla massima concentrazione per i prossimi allenamenti “Siamo partiti bene” chiude coach Lauria “con penetrazioni decise per poi calare nella parte centrale. L’ultimo quarto è stato quello decisivo dove tutta la squadra ha funzionato in maniera corale. Lavoreremo nei prossimi allenamenti per ottenere quella organizzazione che è mancata questa sera.

MVP: GIULIO MURATORI: giocatore entrato in rosa da pochi mesi, ma già con buone basi, mostra tanta determinazione e voglia di giocare. Si destreggia bene alla sua prima gara con buoni canestri e ottima difesa. Speriamo possa continuare così per tutta la stagione

Under 16, Pavullo convince a metà

SPV VIGNOLA 49
PAVULLO BASKET 64
(08-23;10-14;15-17;16-10) 
Pavullo: Serri L. 14, Venezia 1, Goglia 21, Bursi, Gianaroli 16, Ouldrabia 4, Piumi, Abdelati, Montaspro, Pugliese 7, Ferrari .

2g 18

U16, Goglia durante un azione offensiva
Under 16 alla seconda uscita stagionale continua il trend positivo. Gruppo di nuovissima formazione dimostra pero un buon affiatamento durante la prima porzione di gara, con belle giocate corali e buon giro-palla. La coppia Gianaroli-Goglia si intende bene e trova canestri a ripetizione.
Il primo quarto è travolgente con Pavullo in vantaggio di 15 lunghezze. Nel secondo periodo si fa vedere Ouldrabia che grazie a buone spaziature trova gli spazi giusti per il piazzato prima e il canestro da sotto su assist del solito Goglia.
Nella ripresa un calo notevole di Pavullo permette ai padroni di casa un buon recupero. Una totale sufficienza di gioco unita ad una inesistente pressione difensiva costringono coach Montanini al time-out. La squadra si scrolla di dosso il torpore acquisito e ritorna a gonfiare la retina grazie a Pugliese, autore di una buona gara, e Serri, che sul finale inizia finalmente a spingere e soprattutto difendere.
Al fischio di chiusura 64 a 49 per una prestazione nel complesso mediocre, che fa media tra il buon primo tempo e il deludente secondo, in cui si è smesso si muovere palla lasciando spazio ad azioni personali e difese senza aggressività. “Cerchiamo di prendere il buono del primo periodo” commenta coach Montanini “e continuare da lì, in allenamento stiamo lavorando molto su alcune cose ed è importante mantenere la concentrazione per tutti i 40 minuti”.

MVP: GOGLIA VINCENZO: prestazione costante per tutti i 4 quarti su buoni livelli, difesa attenta e buone scelte offensive in cui forza meno cercando di più il gioco per i compagni. E’ lui la miccia che innesca la squadra, facendosi sentire in campo sia con le parole che nel gioco chiudendo la gara con 21 punti, 8 assist e 5 stoppate.

Under 12, Pavullo vola alle Finali Provinciali

1
logo u12

UNIVERSAL BASKET MO F. 34
PAVULLO BASKET 37 
(9-1;4-9;9-10;12-17)) 
PAVULLO: Bellei, Romani 2, Siddu 14, Cavicchioli A. 9, Errigo 1, Fontanesi 2, Cavicchioli S., Ingrami 4, Ferrarini, Licciardo 5, Marino.

– Modena 02.05.16 –
1

U12, la squadra durante un time-out

Gara di Andata dei playoff per la formazione pavullese che cerca riscatto dopo le altalenanti prestazioni della seconda fase di campionato.
La partenza è però devastante per Pavullo che subisce un parziale di 9 a 1 nel primo quarto. Il reparto tecnico alza la voce dalla panchina e organizza la squadra in campo, gli ospiti reagiscono prontamente e infilano il contro-parziale di 7 a 0 con Licciardo e Ingrami ad aprire e chiudere la frazione di gara.
Grande equilibrio nel secondo tempo, dove sale il ritmo di gioco e la tensione in campo. Squadre appaiate, la gara procede punto a punto. A sbloccarla ci pensa Cavicchioli Andrea con un bel semi-gancio dal pitturato, a seguire Siddu e infine Ingrami, autore di un’altra buona prestazione.
Il reparto difensivo prova a contenere gli attacchi di Diacci e Mavuli. Cavicchioli Sara e Marino fanno buona guardia al canestro, con grinta e determinazione permettendo a Pavullo di chiudere il terzo quarto sotto di un punto.
Ritmi alle stelle invece negli ultimi 8 minuti, gli ospiti allungano grazie a Siddu e all’ottimo 2 su 2 ai liberi di Fontanesi. Modena non ci sta e una scatenata Diacci infila 4 canestri di fila dalla media distanza. Risponde ancora Siddu con 3 penetrazioni dalla linea di fondo. Sul -4 Modena trova il 2 su 2 ai liberi con Falcone, Pavullo ancora un volta non molla e sempre ai liberi risponde con Errigo e Cavicchioli Andrea che non sbaglia dalla lunetta.
+3 per Pavullo sul fischio della sirena per una bella e sudata vittoria.

MVP: SIDDU GABRIELE: Sul finale riesce a ben bilanciare alcune lacune difensive con canestri ad alto coefficiente di difficoltà. E’ lui che contribuisce spesso ad allegerire manovra e infila i canestri che chiudono la gara nel momento più delicato, mostrando la giusta grinta al momento opportuno.

PAVULLO BASKET 35
UNIVERSAL BASKET MO F. 28 
(4-6;15-6;12-11;4-5) 
Pavullo: Ferrarini E. Cavallini 2, Ferrarini G., Cavicchioli S., Marino 2, Licciardo, Romani 4, Fontanesi, Ingrami 8, Siddu 6, Errigo, Bellei, Cavicchioli A. 13

– Pavullo 08.05.17 –
Atteso ritorno dei playoff in cui Pavullo deve confermare quanto di buono fatto sul finale di andata.
La partenza è invece ancora lenta, i padroni di casa sembrano smarriti e poco coesi in campo. Risultato parziale di 6 a 0 per Modena. Come all’andata la panchina prova a scuotere i giocatori, che piano piano riacquistano lucidità. E’ Ingrami a scandire i tempi di giochi e infilare i primi 4 punti.
Cavicchioli Sara subentra al posto del fratello nel secondo quarto e da una buona spinta alla squadra. la cooperazione e il gioco di squadra che è mancato nella prima frazione appare nel secondo quarto, il migliore dei quattro. Subito un bel gioco a due tra Sara e Matteo Romani, che manda quest’ultimo a segno e Cavicchioli Andrea, rientrato dalla panchina, inizia a giocare forte da sotto in tandem con Siddu. 15 a 6 il parziale del quarto.
Nella ripresa il comparto Tecnico chiede maggiore spinta in contropiede ed arrivano le prime conclusioni in velocità con Romani di nuovo e Ingrami sul finale di quarto che infila altri 2 canestri e allunga ancora sulla tosta formazione modenese che non molla nemmeno per un attimo e con i canestri della solita Diacci riesce a rimanere aggrappata alla partita.
L’ultimo quarto nonostante un po’ di confusione in campo e molti liberi sbagliati, Pavullo mantiene la giusta lucidità per difendere forte, segnando poco ma concedendo lo stesso anche agli avversari. Il bel canestro del rientrante Cavallini dopo un periodo di stop, congela il punteggio sul 35 a 28 fino al fischio di chiusura e manda Pavullo dritti alle Finali Provinciali.

MVP: IGRAMI / CAVICCHIOLI: Ex aequo per i due “bomber” della squadra che meritano entrambi il “titolo” di Mvp. Partenza a rilento per Cavicchioli che esce, determinante, sul finale. Invece partita sempre costante, di buon livello per Ingrami che mette ancora una volta punti pesanti, bello il canetro in giro frontale sul perno e fade-away. Titolo meritato da entrambi da condividere con tutta la squadra per le ottime gare dei playoff.

Under 12, Pavullo accelera nel finale e piega Carpine

logo u12
logo u12

PAVULLO BASKET 29
PALL. CARPINE 21 
(11-8;2-6;4-3;12-4) 

Pavullo: Bellei, Cavicchioli A. 8, Errigo, Marino A., Fontanesi 2, Cavicchioli S. 2, Ingrami 8, Ferrarini, Licciardo 5, Vitale, Marino F. 3.

– Maranello 15.04.17 –
1

U12, la squadra durante un time-out

Ultima partita di “Regular Season” per Pavullo che affronta la formazione Carpigiana con voglia di riscatto dopo le ultime sconfitte esterne.
I padroni di casa partono col piglio giusto, difesa aggressiva e buone ripartenze con la coppia Licciardo-Ingrami a gestire il gioco, supportati da Cavicchioli Sara che, nonostante il leggero calo sul finale di gara, parte forte e segna i primi 2 punti.
Carpi reagisce verso la fine del quarto riuscendo a rimontare parzialmente lo svantaggio e chiudendo il quarto sul -3.
Nella seconda frazione Pavullo subisce una pesante battuta d’arresto, con il solo Fontanesi che riesce a gonfiare la retina, e termina il quarto con un punto di svantaggio.
Nella ripresa la formazione ospite abbassa la linea difensiva e Pavullo fatica ancora di più a trovare pertugi offensivi. Ci provano Ingrami prima e Cavicchioli Andrea poi che, sfruttando la fisicità, riesce a farsi trovare libero in area.
E’ nell’ultimo quarto che arriva la decisiva reazione della formazione casalinga. Carpine chiude la difesa tutta nella propria area e Pavullo può solo sperare di trovare qualche tiro dalla lunga distanza con la panchina che invita a non avere paura. Dopo un primo momento di tiri imprecisi, Pavullo aggiusta la mira e in sequenza arrivano i cesti di Marino Fabio e di uno scatenato Ingrami che infila il piazzato dalla media. Carpine costretto ad uscire dalla propria area deve arrendersi ai contropiedi dei padroni di casa che con Fontanesi prima e Cavicchioli dopo sanciscono il colpo del ko con un ottimo 4 su 5 ai tiri liberi. 12 a 4 il parziale dell’ultimo quarto e Pavullo che porta a casa una bella vittoria, giocata di cuore e di squadra.

 

MVP: INGRAMI ALESSANDRO: Classe 2007 per la nostra giovane guardia che lotta e gioca senza paura. Arrivato da una serie di gare in continua crescita, guida la squadra in transizione e mette i pesanti al momento giusto, fondamentale il bel piazzato dal libero che manda ko la formazione avversaria.  

Under 16, Scontro al vertice per la vittoria del campionato

DSC 0414

PAVULLO BASKET 60
CARPINE 47 
(15-13;15-18;20-3;10-13) 
Pavullo: Bursi, Dalrio 9, Baruffi 4, Serri R., Serri L. 5, Gianaroli 5, Gluckert 20, Serafini E., Serafini M. 2, Goglia 8, Ferrari, Gazzotti 7.

– Pavullo 06.04.16 –
DSC 0414

U16, Lorenzo Serri attacca il canestro

Attesissima sfida per la testa della classifica che vede Pavullo in cerca di riscatto dopo l’unica sconfitta stagionale all’andata.
I primi minuti sono a basso ritmo con le squadre che si studiano e tentano timidamente qualche incursione. E’ Carpine che con più coraggio prende le redini del gioco ed infila subito 4 punti. Risponde Gianaroli e a seguire Gazzotti che con buone percussioni dal gomito trova la via del ferro. Pavullo continua l’azione percussiva e tra la fine del primo quarto e l’inizio del secondo allunga a +13 su un Carpine un po’ in affanno.
Ad inizio del secondo quarto Gluckert, autore di un’ottima gara, infila dalla lunga distanza, segue il solito Gazzotti e Serafini con un bel tiro in giro dorsale dal post medio. Time-out per la compagine ospite che ritrova fiducia e ritmo. Pavullo cala vistosamente e permette a Carpine di accorciare le distanze con Facchini e Fofie, subendo il sorpasso a fine primo tempo.
Il reparto tecnico Pavullese cerca di spronare la squadra durante la pausa di metà gara e sembra sortire l’effetto sperato.
Terzo quarto ad alto ritmo per Pavullo che martella il ferro senza sosta, con una difesa compatta e molto reattiva che non lascia spazio agli avversari, chiudendo la frazione di gara sul parziale di 20 a 3. Goglia trova buone linee di penetrazione, spalleggiato da un Dalrio in ottima forma e con Baruffi che scandisce i tempi di gioco.
Solo un piccolo calo nell’ultimo quarto costringe i coach Gnesi e Montanini al time-out sul -9 degli ospiti. A porre rimedio ci pensa Goglia prima e Gluckert sul finale, lanciato in contropiede per il lay-up che chiude la partita e regala a Pavullo il primo posto in classifica.

MVP: LA SQUADRA – Nonostante l’ottima prova di molti singoli, tra cui l’ultimo arrivato Gluckert, autore di una prestazione eccellente, il premio va a tutto l’organico per la buona reazione del terzo quarto e la difesa ben coordinata. Il primato in classifica e la vittoria del campionato fa meritare all’intera formazione la palma di “migliore in campo”.

Under 14, Pavullo trionfa in trasferta con la capolista

logo u12
logo u12

PSA MODENA 39
PAVULLO BASKET 51 
(6-3;16-6;6-11;9-10) 

PAVULLO: Ouldrabia (C) 5, Siddu, Abbati 7, Cavicchioli A. 7, Gianaroli 10, Ferrari 9, Venezia 2, Fini 3, Hasnaoui, Cavicchioli S. 4, Calderone 2, Licciardo 2

– Modena 24.02.17 –
1

U14, la squadra durante un tiro libero

Penultima partita di regular season per l’Under 14 che affronta la capolista del girone. Dopo le settimane di allenamento fisico fatto dai ragazzi, ci si aspettava comunque una gara di buon livello e di alto ritmo. Il gruppo già dal riscaldamento sembra essere molto concentrato, idea che poi si conferma nei primi minuti di gara.
La squadra attacca veloce e pulita, buoni 1 vs 1 e contropiede a cui il PSA non riesce a stare al passo. Abbati si trova davvero in sintonia con Gianaroli, che aiuta i ragazzi a gestire il gioco, riuscendo a trovare buone conclusioni dalla breve distanza. La fase difensiva è gestita molto bene da Licciardo, Cavicchioli A. e Fini. Quest’ultimo, purtroppo a causa di 3 falli nel 1^quarto, riuscirà a continuare l’ottima prestazione solo nella 3^frazione di gara. Pavullo chiude il quarto con qualche punto di vantaggio, divario che viene ricucito a parità nei successivi 10 minuti.
La squadra ospite inizia però a mostare qualche incertezza sia in difesa che nelle partenze in palleggio, a cui seguono svariati fischi arbitrali per infrazione di passi che sottolineano il netto calo di concentrazione.
Nell’intervallo i ragazzi iniziano a rendersi conto di essere davvero in grado di affrontare a pari armi la capolista ed entrano in campo con voglia, spirito di iniziativa e dividendosi bene i compiti.
È ora il capitano Ouldrabia a guidare la squadra, con Calderone e Venezia che continuano a dominare sotto il ferro, Hasnaoui si occupa di recuperare palloni e Ferrari fornisce un ulteriore supporto ausiliario.
Cavicchioli S. spinge forte nei frequenti contropiede e Siddu, anche se colpito da una leggera influenza, non si arrende e continua a lottare. Il 3^ quarto si chiude con un divario di quasi 20 punti in nostro favore, ma la partita non è ancora finita, importante saper gestire il resto dei pochi minuti restanti. Il reparto tecnico esorta i ragazzi a giocare, quanto possibile, al massimo dell’intensità, chidendo un ulteriore sforzo psicologico per tenere i nervi saldi gestendo ritmo e gara. Nell’ultimo quarto, nonstante il leggero recupero, il PSA non riesce a riagguantare un Pavullo assai agguerrito e concentrato verso la vittoria, che arriverà con ben 12 punti di distacco.
È stata una partita di cui la squadra è stata padrona e in grado di controllarla in ogni istante. Notevole il miglioramento tecnico e fisico dei ragazzi; nota dolente la difesa e i troppi “passi” in partenza. “Nelle prossime settimane” commentano i coach “cercheremo di lavorare ancora più forte di quanto fatto perchè, abbiamo visto, che impegnandosi in allenamento, il duro lavoro viene completamente ripagato in partita con piacevoli soddisfazioni. E si può arrivare davvero sempre più avanti, pur restando concentrati”.
La prossima è l’ultima di regular season prima dei play-off e sarà in casa contro il PSA A, un altro duro avversario sulla carta, con cui sarà importante lottare fino all’ultimo secondo.

 

MVP: NABIL OULDRABIA: Partita stratosferica per il capitano (22 punti), che si fa carico della squadra e la porta per mano verso la vittoria, aiutato e sostenuto da un gruppo che non ha mollato mai dal primo all’ultimo secondo di questa avvincente gara.